Milan Grygar

Antifona

23 settembre – 11 novembre 2017

“Sono arrivato alla conclusione che ciò che prevale nel mondo è la correlazione: il suono è connesso alla visione, e la visione non può esistere senza suono. Tutto ciò che un essere umano fa è connesso: i fenomeni visivi e acustici sono complementari”.

Milan Grygar

 

P420 è felice di annunciare la seconda mostra personale dell’artista Milan Grygar (b.1926, Zvolen, Slovacchia, vive e lavora a Praga).

Per circa mezzo secolo, a partire dalla metà degli anni Sessanta, Milan Grygar ha sviluppato un corpus di opere la cui premessa è l’indissolubilità di due sensi che l’arte occidentale ha spesso considerato separatamente, la vista e l’udito. Le sue opere hanno un legame essenziale con il suono: ne registrano in forma visiva il decorso o si costituiscono come partiture più o meno dettagliate per produrlo.

Se nella prima mostra in galleria (Sound on paper, 2014) si erano presentati i lavori degli anni ’60 e ’70 legati alle sperimentazioni sonore, visive e performative (Acoustic Drawings, Sound Plastic Drawings e Linear Scores), nella mostra che inaugurerà il 23 settembre a Bologna, saranno esposte opere recenti tra cui tele anche di grandi dimensioni della serie Antifone e acquerelli su carta.

Dal 1996 l’artista ha iniziato una serie di lavori dal titolo Antifona, una dualità continuamente in bilico tra uno spazio visivo e uno sonoro.

Le tele, che vogliono affrontare il rapporto tra suono e colore nell’alternanza tra armonioso e non armonioso, sono spesso dittici con composizioni geometriche minime o monocromi - prima con colori cupi e negli ultimi anni con colori sempre più accesi - che creano tra loro una forte relazione spaziale.

Exhibition Works

+
Milan Grygar, Antifona, 2009, acrilico su tela, dittico, cm.145x290
+
Milan Grygar, Antifona, 2009, acrilico su tela, dittico, cm.145x290
+
Milan Grygar, Antifona, 2013, acrilico su tela, dittico, cm.145x290
+
Milan Grygar, Antifona, 2016, acrilico su tela, cm.150x150
+
Milan Grygar, Antifona, 2017, acquerello su carta artigianale, cm.20x20
+
Milan Grygar, Antifona, 2017, acquerello su carta artigianale, cm.20x20
+
Milan Grygar, Antifona, 2017, acquerello su carta artigianale, cm.20x20
+
Milan Grygar, Antifona, 2017, tecnica mista e collage su carta, cm.100x70
+
Milan Grygar, Antifona, 2017, tecnica mista e collage su carta, cm.100x70
+
Milan Grygar, Antifona, 2017, tecnica mista e collage su carta, cm.100x70
+
Milan Grygar, Untitled, 2013, acquerello su carta, cm.40x32
+
Milan Grygar, Untitled, 2013, acquerello su carta, cm.40x32
+
Milan Grygar, In space of sound, 2016, acquerello su carta, cm.40,5x29,5
+
Milan Grygar, In space of sound, 2016, acquerello su carta, cm.40,5x29,5
+
Milan Grygar, In space of sound, 2016, acquerello su carta, cm.40,5x29,5
+
Milan Grygar, In space of sound, 2016, acquerello su carta, cm.40,5x29,5
+
Milan Grygar, In space of sound, 2016, acquerello su carta, cm.40,5x29,5
+
Milan Grygar, In space of sound, 2016, acquerello su carta, cm.28x21
+
Milan Grygar, In space of sound, 2016, acquerello su carta, cm.28x21
+
Milan Grygar, In space of sound, 2016, acquerello su carta, cm.28x21
+
Milan Grygar, In space of sound, 2016, acquerello su carta, cm.28x21
+
Milan Grygar, In space of sound, 2016, acquerello su carta, cm.28x21
+
Milan Grygar, Choreography, 2017, acquerello su carta, cm.40x32
+
Milan Grygar, Choreography, 2017, acquerello su carta, cm.40,5x29,5
+
Milan Grygar, Choreography, 2017, acquerello su carta, cm.40,5x29,5
+
Milan Grygar, Choreography, 2017, acquerello su carta, cm.40,5x29,5
+
Milan Grygar, Choreography, 2017, acquerello su carta, cm.40,5x29,5
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Ok, chiudi